JP2015 - Metabolismo tumorale e risposta alle terapie usando l'innovativa tecnica MRI

Data inizio
1 marzo 2016
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Informatica
Responsabili (o referenti locali)
Marzola Pasquina
Parole chiave
JOINT PROJECT, MRI, CANCER, GLUCOSE METABOLISM, CHEMICAL EXCHANGE SATURATION TRANSFER, DCE-MRI, 18FDG, PHARMACOLOGICAL TREATMENT EFFICACY

PREMESSA
La Tomografia ad Emissione di Positroni (PET, Positron Emission Tomography) con somministrazione di 18FDG (analogo del glucosio marcato con 18F radioattivo) si è dimostrata estremamente efficacie nella diagnosi dei tumori e nel follow up di trattamenti terapeutici. La PET, richiedendo traccianti radioattivi, presenta ovvi svantaggi: esposizione a radiazione ionizzante dei pazienti e potenzialmente del personale, necessita di un ambiente controllato, di un ciclotrone e di un laboratorio per la sintesi dei radiofarmaci. Tutti questi motivi rendono la PET molto costosa e disponibile in pochi ospedali e centri di ricerca. Data l’importanza diagnostica di monitorare in vivo l’accumulo di analoghi del glucosio nei tumori, approcci alternativi alla 18FDG-PET, che non richiedano traccianti radioattivi, sono fortemente auspicabili. Recentemente è stato proposto un nuovo metodo basato sulla tomografia a Risonanza Magnetica con Trasferimento di Saturazione tramite Scambio Chimico (Chemical Exchange Saturation Transfer Magnetic Resonance Imaging, CEST-MRI). Tale metodo utilizza come tracciante il glucosio naturale o suoi analoghi non radioattivi (FDG e 2-DG). La molecola FDG non radioattiva è chimicamente equivalente a 18FDG, nella quale l’isotopo radioattivo 18F è sostituito con l’isotopo stabile 19F. Nerviano Medical Sciences, una grande realta’ farmaceutica nella ricerca oncologica, è fortemente interessata a sviluppare metodiche che riescano a valutare in vivo l’efficacia terapeutica.

OBIETTIVI
Scopo di questo progetto sarà l’ottimizzazione del metodo CEST-MRI per l’imaging degli analoghi nonradioattivi del glucosio a 4.7 T e 7 T. Ci prefiggiamo di dimostrare l’utilità del metodo nei campi della ricerca sperimentale oncologica: a tal fine esperimenti CEST-MRI saranno condotti in modelli sperimentali di tumore durante trattamento terapeutico. Il metodo CEST-MRI sarà utilizzato simultaneamente alla MRI con contrasto, ottenendo nello stesso tumore mappe metaboliche e di perfusione.

MAIN PARTNER
CESTMRI

Enti finanziatori:

Ateneo
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento
Nerviano Medical Sciencies s.r.l.
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Pasquina Marzola
Professore ordinario
Aree di ricerca coinvolte dal progetto
Fisica sperimentale applicata
Applied physics to medicine

Attività

Strutture