Il valore Shapley per giochi cooperativi: un gioiello dalle mille sfaccettature

Relatore
Prof. Fioravante Patrone - Dipartimento di Matematica, Universita` di Genova

Data e ora
martedì 18 ottobre 2005 alle ore 17.30 - caffe`, te` & C. ore 17.00

Referente
Laura Maria Morato

Referente esterno

Data pubblicazione
21 settembre 2005

Dipartimento
 

Riassunto

Introdurrò brevemente i giochi cooperativi "a pagamenti laterali" e
quindi presenterò il valore Shapley, introdotto appunto da Shapley nel
1953 con un approccio detto "assiomatico". Desriverò le proprietà che lo
caratterizzano, mettendone in evidenza la maggiore o minore
"accettabilità" come soluzione di un gioco cooperativo.
Passerò poi a descrivere caratterizzazioni assiomatiche alternative,
notando come ognuna metta in rilievo aspetti significativi di questa
soluzione: i legami con la teoria dell'utilità attesa, un principio
"marginalistico" che incorpora e inoltre aspetti di coerenza
inter-giochi.
Esaminerò infine alcune applicazioni. Sia le più classiche, ovvero l'uso
che ne fu proposto da Shapley e Shubik come "indice di potere" o il suo
uso come metodo di "cost allocation", sia altre meno tradizionali. Fra
queste, l'applicazione del valore Shapley all'analisi di dati da
microarray, attraverso la costruzione di un opportuno gioco cooperativo.
ornamento
Inizio pagina