Apologia della ricerca fondamentale: dai fondamenti della meccanica quantistica ai sistemi dinamici, e alle forze dovute ai corpi lontani in elettrodinamica (Wheeler e Feynman) e in gravitazione, con applicazione alla materia oscura.

Relatore
Luigi Galgani - Universita' di Milano

Data e ora
martedì 12 maggio 2009 alle ore 16.15 - 16.15 caffe' e pasticcini, ore 16.30 inizio seminario

Luogo
Ca' Vignal 3 - Piramide, Piano 0, Sala Verde

Referente
Gaetano Zampieri

Referente esterno

Data pubblicazione
22 aprile 2009

Dipartimento
 

Riassunto

Si illustra come ricerche apparentemente di tipo alquanto diverso (di
interesse sia per la matematica che  per la fisica) si siano in realta' originate da un
unico problema. Si tratta di riconsiderare i punti cruciali che  storicamente
hanno dato origine alla meccanica quantistica (corpo nero, calore specifico dei solidi,
stabilita' dell'atomo), per i  quali si afferma comunemente  che la fisica
classica cadeva in difetto, e di vedere poi se tale affermazione sia davvero
corretta, quando si studino quei problemi  matematicamente, alla luce degli sviluppi sui
sistemi dinamici classici che sono stati ottenuti a partire dagli anni cinquanta.
Si illustra come questa motivazione sia stata il principale motore che ha
spinto la ricerca moderna sui sistemi dinamici in Italia, producendo un non
trascurabile impatto anche fuori. Si illustrano  poi alcuni risultati di qualche
impatto fisico ottenuti preseguendo tale linea di ricerca; in particolare, basi
microscopiche dell'ottica nei mezzi dispersivi, e proposta che gli effetti gravitazionali
usualmente attribuiti a materia oscura siano invece spiegabili in maniera
conservativa come dovuti alle galassie lontane.
ornamento
Inizio pagina