L'organizzazione del cervello umano: geni, esperienza e caso

Supervisor
Prof. Giovanni Berlucchi - UniversitĂ  degli Studi di Verona

Date and time
Tuesday, March 3, 2009 at 4:15 PM - ore 16.15 caffè e pasticcini, inizio seminario ore 16.30

Place
Ca' Vignal 3 - Piramide, Floor 0, Hall Verde

Contact person
Vincenzo Manca

External reference

Publication date
January 20, 2009

Department
 

Summary

Per secoli i filosofi, da Platone a Cartesio a  Kant, hanno considerato, in accordo con la Bibbia, l'uomo diverso da tutti gli altri viventi per ragioni sovrannaturali. Oggi invece, alla classica domanda filosofica: «Che cosa ci rende umani?», la maggioranza degli scienziati e dei filosofi risponde senza esitazioni: il nostro cervello. Questo parere è esplicitamente condiviso dalle leggi dei paesi civilizzati, che equiparano la morte di una persona a quella del suo cervello, anche a cuore battente. Il confronto fra il cervello umano e quello di animali non umani mette in evidenza molti principi di organizzazione anatomo-funzionale comuni e altri specificamente umani. Anche se non esiste ancora una teoria generale universalmente accettata del funzionamento del cervello umano, 
soprattutto in rapporto al problema metafisico mente-cervello, è possibile descrivere alcune acquisizioni accertate riguardo all'assemblaggio prenatale delle strutture cerebrali, all'azione di fattori ambientali su di esse, e ai meccanismi 
di controllo nervoso del comportamento e dei processi cognitivi. 

ornamento
Top