Linguaggi concorrenti e mobili (2004/2005)

Corso a esaurimento

Codice insegnamento
4S00058
Docente
Massimo Merro
crediti
5
Altri corsi di studio in cui è offerto
Settore disciplinare
INF/01 - INFORMATICA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
2° Q dal 10-gen-2005 al 11-mar-2005.
Pagina Web
http://profs.sci.univr.it/~merro

Orario lezioni

2° Q
Giorno Ora Tipo Luogo Note
mercoledì 10.30 - 12.30 lezione Aula C  
giovedì 10.30 - 13.30 lezione Aula C  

Obiettivi formativi

L'obbiettivo del corso non e' quello di studiare un qualche linguaggio di programmazione concorrente, ma fornire quei concetti e principi fondamentali che sono alla base diuna corretta programmazione concorrente con o senza mobilita' di codice.
A tal scopo verranno considerati dei modelli algebrici, vale a dire dei linguaggi molto semplici, che racchiudono tutte le caratteristiche principali dei linguaggi concorrenti reali. Tali modelli, chiamati calcoli di processo
(quali CCS, Pi-calcolo, Mobile Ambient), essendo piu semplici dei linguaggi reali, ben si prestano allo studio delle problematiche tipiche della concorrenza.
Durante il corso verrano forniti vari esempi ed applicazioni. Nell'ultima parte del corso verrano accennati nozioni di linguaggi distribuiti in cui agenti concorrenti migrano all'interno di reti di calcolatori.

Programma

-Richiami di teoria degli automi ed equivalenze tra linguaggi
-Processi sequenziali e la nozione di bisimulazione
-Processi concorrenti ed interazione tra processi
-Semantica operazionale per processi sequenziali e concorrenti.
-Equivalenze comportamentali forti e deboli
-Mobilita' di codice sotto varie forme
-Il pi-calcolo
-Applicazioni del pi-calcolo
-Equivalenze forti e deboli in pi-calcolo
-Accenni di linguaggi concorrenti distribuiti: Mobile Ambients e
Distributed pi.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Robin Milner Communicating and Mobile Systems: the pi-calculus (Edizione 1) Cambridge University Press 1999 0521658691

Modalità d'esame

Il candidato dovra' sostenere una prova scritta. Voti minori o uguali a 26 possono essere confermati. Per voti dal 27 in su' e' richiesto un colloquio orale con il docente.

Statistiche per i requisiti di trasparenza (Attuazione Art. 2 del D.M. 31/10/2007, n. 544)

I dati relativi all'AA 2004/2005 non sono ancora disponibili