Dottorati di ricerca

Offerta formativa attuale

Dottorato in Informatica
L’obiettivo principale del Dottorato di Ricerca in Informatica è quello di formare scienziati con una profonda ed ampia conoscenza dell’informatica e con un’elevata capacità di apprendimento e applicazione delle metodologie di ricerca avanzate. I dottori di ricerca dovranno essere capaci di affrontare un’esperienza lavorativa sia nel campo della ricerca pura e di base sia nel campo della ricerca applicata e industriale. Il programma di studio e di avviamento alla ricerca dovrà garantire un ottimo livello di preparazione. Gli obiettivi saranno raggiunti prevedendo per i dottorandi un’adeguata attività di istruzione e la redazione di una tesi di dottorato conforme ai più elevati standard internazionali.
 
Per raggiungere tali obiettivi formativi, come descritto più in dettaglio nel seguito, il Corso di Dottorato di Informatica prevede un programma di studio presso la sede e supporta periodi di studio e ricerca all’estero, presso soggetti pubblici e privati, fino ad un massimo del 50% della durata del corso. A supporto di queste attività, il Corso di Dottorato di Informatica si avvale di un vasto collegio dei docenti, i cui membri possono vantare svariate collaborazioni sul territorio ma anche a livello nazionale e internazionale, attraverso progetti finanziati da enti o aziende locali, nazionali (quali Prin e Firb) ed europei (dai vari programmi quadro). Questi progetti hanno negli anni contribuito a finanziare borse di dottorato, ad attivare assegni di ricerca per vincitori senza borsa, ed a supportare le varie attività di ricerca connesse al dottorato. Inoltre, come evidenziato in seguito, il Dipartimento di Informatica finanzia l’acquisto di computer, software e hardware per i borsisti e supporta la loro mobilità con un contributo di Euro 1500 annui a borsista, oltre a garantire spazio di ricerca e di studio nei vari uffici e laboratori messi a disposizione dei dottorandi.
Dottorato in Nanoscienze e Tecnologie Avanzate
Le attività formative sono svolte interamente in lingua inglese.

Il Dottorato di ricerca proposto si prefigge lo scopo di costruire una vasta area didattica e di ricerca avanzata, centrata sulle nanoscienze e sulle più recenti e innovative tecnologie chimico-fisiche, in particolare nelle loro applicazioni alla biomedicina e alle scienze forensi.
 
Il Dottorato coagula aree scientifiche e di ricerca fisica e chimica, già consolidate nel nostro Ateneo, con le espressioni più avanzate della morfologia/morfometria biomedica e delle scienze forensi. In tale contesto, un ruolo di particolare rilievo è ricoperto dalle nanoscienze, la cui area applicativa in ambito biomedico e nelle scienze forensi sembra quanto mai promettente e innovativa, ed è oggetto di grande attenzione a livello internazionale.
L’integrazione dei suddetti settori scientifico-disciplinari consente evidenti vantaggi in termini di elaborazione di progetti di ricerca comuni in un’ottica propriamente della scienza traslazionale, potendo coniugare la più avanzata tecnologia chimico-fisica con le esigenze della moderna ricerca biomedica e forense. Anche sul piano formativo, la suddetta integrazione di discipline di base e clinico-applicative consente lo sviluppo di percorsi formativi particolarmente innovativi per questo Ateneo e di sicuro riscontro, non solo in prospettiva di occupazione accademica, ma anche coerente con le necessità del mercato del lavoro territoriale nei settori di tecnologia avanzata.
 
La crescente domanda nell’odierna società di competenze multidisciplinari e avanzate di tipo scientifico e tecnologico, non disgiunte da un’effettiva conoscenza degli ambiti applicativi e normativi, incluse le problematiche etiche e bioetiche, nei quali il tecnologo si troverà a operare, giustifica anche sul piano dell’impatto professionalizzante l’attivazione del presente progetto. Si ricorda ancora come le nanoscienze, al parie delle altre espressioni più avanzate delle moderne tecnologie in ambito analitico, morfologico e forense, rappresentino un obiettivo strategico nella ricerca applicata, consentendo così, anche in virtù di collaborazioni già esistenti con prestigiose Università estere, di stabilire collaborazioni scientifiche al più alto livello.
 
La robustezza della proposta formativa trova un riscontro anche nell’eccellenza della piattaforma tecnologica, che il gruppo proponente riesce a coagulare, derivante sia da attrezzature presenti nei vari Dipartimenti partecipanti che da strumentazione afferenti al Centro Grandi Attrezzature di Ateneo e gestite direttamente dai docenti del Dottorato.
 
La presente proposta di Dottorato, dotata di un robusto “core” formativo unitario di valenza generale, prevede tre indirizzi (1. Nanomedicina Morfologico-clinica; 2. Scienze e Tecnologie Forensi; 3. Nanomateriali e Tecnologie Chimico-fisiche e Analitiche) specifici, ma fortemente integrati tra di loro, sia sul piano della formazione didattica che su quello della ricerca teorica e sperimentale
 
La tipologia della formazione offerta dalla presente proposta di Dottorato è la formazione attraverso la ricerca, ottenuta mediante attività didattiche comuni frontali su temi di rilievo generale, associate ad attività formative frontali e tutoriali su tematiche specifiche per i tre indirizzi previsti. Anche l’attività di ricerca avrà, attraverso la elaborazione di progetti in collaborazione tra gli indirizzi, caratteristiche che promuovano la specializzazione, mantenendo tuttavia un’elevata interazione ed integrazione delle ricerche, al fine di garantire di un solido core di conoscenza e di interessi comuni.
 
Obiettivo generale dell’attività formativa degli studenti di Dottorato è dunque l’acquisizione di competenze e lo sviluppo di capacità analitiche, sperimentali e di una forma mentis, che permetta loro di avanzare le conoscenze su tematiche di frontiera riguardanti la loro disciplina. Inoltre, gli studenti saranno in grado di sviluppare un approccio interdisciplinare/traslazionale e non settoriale alle scienze chimico-fisiche, anatomo-morfologiche e forensi, nonché di comunicare i risultati della ricerca nel mondo scientifico, come pure di spendere i risultati formativi e di ricerca conseguiti in campo professionale sia pubblico che privato, nonché in ambito forense.
 
Gli studenti verranno dunque inseriti, oltre che in corsi formativi basati su lezioni frontali e training, anche in specifici progetti di ricerca sperimentale di base e/o applicata, con una forte ispirazione traslazionale, utilizzando le tecnologie sopra delineate. L’addestramento in tali ambiti permetterà allo studente di dottorato di fare esperienza diretta anche nella programmazione degli esperimenti, raccolta dati, elaborazione degli stessi e stesura di una relazione e/o pubblicazione scientifica. In stretta connessione tra gli indirizzi, dunque, la formazione comprenderà anche la comunicazione scientifica, il scientific writing e le procedure e modalità di application a finanziamenti alla ricerca pubblici e privati. 
 
Tematiche di ricerca
Nanomedicina morfologico-clinica
  • Nanotecnologie per l’Imaging multimodale
  • Tecniche di Imaging in vivo convenzionali e avanzate per l’indagine biomedica sperimentale, clinica e forense
  • Tecniche avanzate di microscopia per applicazioni biomediche e nanobiotecnologiche
  • Tecniche di Imaging per l’antropometria e lo studio della composizione corporea
 
Scienze e Tecnologie Forensi
  • Nanotecnologie e molecurarly imprinted polymers applicati alla Tossicologia Forense
  • Sviluppo di tecnologie ottiche (fluorescenza e spettroscopia Raman) e loro applicazioni alle Scienze Forensi
  • Nuove tecniche di spettrometria di massa applicate in ambito chimico e tossicologico-forense e all’analisi genetica
  • Nuove tecnologie elettroforetiche ed elettrocinetiche nelle Scienze Forensi
  • Nuovi biomarker di abuso di sostanze
  • Imaging in Medicina e Scienze Forensi
 
Nanomateriali e Tecnologie Chimico-fisiche e Analitiche
  • Progettazione e sviluppo di materiali nanostrutturati e nuovi mezzi di contrasto per Imaging multimodale
  • Studio di film sottili per applicazioni in ambito energetico e biomedico
  • Preparazione di molecularly imprinted polymers (MIPS) in forma di nanoparticelle e nanosuperfici per applicazioni analitiche
  • Caratterizzazione chimico-fisica e funzionale di materiali 
  • Indagine sulla struttura e sulle proprietà vibrazionali di materiali funzionali
  • Studio dei fenomeni di superficie nella applicazione di nanostrutture nella moderna tecnologia delle separazioni molecolari
  • Nanoingegnerizzazione cellulare

Corsi non attivi nell'anno accademico attuale

Dottorato in Informatica (ultimo ciclo attivato 28° - anno 2013) Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)
COORDINATORE: PROF. PAOLO FIORINI
 
L’obiettivo del programma del dottorato in Informatica della Scuola di Dottorato di Scienze Ingegneria  Medicina è quello di formare persone con una profonda ed ampia conoscenza dell’informatica e con un’elevata capacità di apprendimento delle metodologie di ricerca avanzate. I dottori di ricerca dovranno essere capaci di affrontare un’esperienza lavorativa sia nel campo della ricerca pura e di base che nel campo della ricerca applicata e industriale. Il programma di studio e di avviamento alla ricerca dovrà garantire un ottimo livello di preparazione. Gli obiettivi saranno raggiunti prevedendo per i dottorandi una adeguata attività di istruzione e la redazione di una tesi di dottorato conforme ai più elevati standard internazionali.
Inserisci la matricola per vedere la tua offerta formativa nell'anno corretto.

Offerta formativa